Parato: lo stile italiano di Cristiana Masi

Molto più giovane rispetto a tanti concorrenti nazionali ed internazionali, Parato si è distinta immediatamente sul mercato della carta da parati per l’elevata qualità dei propri prodotti e per la creatività di una figura d’eccezione.

Quando nel 1985 l’imprenditore Mario Masi decide di avviare uno stabilimento per la produzione di carta da parati, il mercato di riferimento del settore è quello di alto prestigio.

Prima della produzione industriale dei nuovi materiali per la costruzione della carta da parati (TNT) e per la messa in opera semplificata (collanti adesivi di nuova generazione), il settore si ritrova plafonato all’interno di un mercato prestigioso, ma anche inesorabilmente di “nicchia”, con volumi di produzione contenuti.

Lo scenario peggiore per una nuova azienda che vuole inserirsi in un mercato, ma la capacità pianificatrice di Mario Masi e la carismatica figura di Cristiana, sin dal principio al timone della direzione artistica di Parato, riescono a produrre una breccia per inserirsi tra i grandi nomi della carta da parati.

Espansione del mercato e diversificazione del brand

Con l’espansione del mercato della carta da parati e l’apertura a nuove produzioni, la Parato ha sentito l’esigenza di diversificare il proprio marketing aziendale, lanciando il brand Cristiana Masi.

Il design d’autore dei prodotti Cristiana Masi, unita all’eccellenza realizzativa di Parato, ormai dotata di 4 linee a stampa in esacromia e 3 linee di goffratura, hanno posto immediatamente il brand tra i prodotti di punta del Made in Italy per i rivestimenti murali.

Parato costituisce indubbiamente una delle realtà più belle nel panorama italiano della carta da parati, riuscendo ad inserirsi in un mercato molto complesso, pur senza tradire la propria vocazione artigianale delle produzioni curate in ogni dettaglio, alle quali si è aggiunto nel tempo un’ottima strategia di marketing per il brand Cristiana Masi.

Lascia un commento