L’effetto Devoré per tende e tessuti d’arredamento

tenda effetto devorè

Quando si deve arredare non bisogna sottovalutare l’importanza delle tende da interno, in grado di dare quel tocco di eleganza e calore in più a qualsiasi ambiente: dopo aver visto quali sono le tipologie di tende da interno più in voga, altrettanto basilare è non trascurare la scelta del tessuto. Tra i più amati senza dubbio ci sono i tessuti ad effetto Devoré: curiosi di saperne di più?

L’effetto Devoré (detto anche burn out) è uno stile che nasce ben un secolo fa, ma che inizia ad affermarsi solo intorno agli anni Novanta: è caratterizzato da una speciale lavorazione che “brucia” una parte del tessuto (letteralmente, dal francese, la “divora“).

Per poter avere un effetto Devoré, il tessuto deve essere composto da due diverse tipologie di fibre: una cellulosica, ad esempio in cotone, in viscosa o in lino, e una fibra sintetica. Questa tecnica di lavorazione prevede che la fibra cellulosica venga attaccata da un particolare agente chimico che effettua una sorta di bruciatura selettiva che lascia intatta la fibra sintetica.

Il risultato che si viene a creare è un effetto chiaroscuro, in cui si avrà una parte trasparente e una parte che resterà in rilievo.

Le tende in stile Devoré vengono proposte principalmente in toni neutri, che risultano facilmente adattabili ai vari stili di ambiente, dai più classici ai più contemporanei. Le fantasie più amate vedono disegni geometrici o astratti, potendo creare trame e fantasie davvero uniche e particolari.

Un vantaggio delle tende ad effetto Devoré è la loro facilità di manutenzione, infatti, a seconda della tipologia, generalmente è possibile lavarle in acqua a 30-40 gradi, senza compromettere la morbidezza e la setosità tipica di questi tessuti.

Tra i migliori brand made in Italy che propongono tende e tessuti d’arredo Devoré non possiamo non citare Simta, vero e proprio simbolo della tradizione artigiana italiana: venite a scoprire tutte le collezioni presso il nostro Showroom!

 

 

 

Lascia un commento