Intramontabile stile barocco

Bellezza, sfarzo, elaborati decori caratterizzano questo stile nella sua variante originale e lo rendono un sempreverde dell’arredamento, soprattutto nella declinazione contemporanea.

Con il barocco forme esuberanti e decorazioni imponenti

Risalendo all’etimologia, il temine “barocco” sembra volesse indicare l’irregolarità delle figure, ma lo stile artistico che porta questo nome si ricollega al movimento culturale e filosofico che ha imperato nel diciassettesimo secolo e che, in concomitanza alla Controriforma, voleva esaltare la bellezza del creato, e riconfermare e celebrare i dogmi religiosi. Per rappresentare la natura in tutta la sua bellezza ed esuberanza le forme furono esasperate, le decorazioni imponenti e fra i colori si privilegiarono principalmente l‘oro e il porpora, ma anche il giallo vaniglia e il verde; furono predilette le forme curve, i riccioli, le volute e le ellissi.

Una casa come una reggia, ma con “leggerezza”

Chi sceglie lo stile barocco, dunque, interpreta la sua casa come una reggia e vuole destare l’ammirazione degli ospiti. Però occorre prestare attenzione perché questo stile rischia di essere pesante se non “dosato” o se gli ambienti non sono sufficientemente grandi. Ecco perché la versione contemporanea che ne trae l’ispirazione, ma coniuga lo stile con “leggerezza”, viene tanto apprezzata. Chi vuole creare un arredamento in stile barocco sceglierà carte da parati nei colori chiari, con motivi piccoli e damascati, come ad esempio quelle proposte da Cristiana Masi per Parato, interpretate secondo il gusto moderno e adatte anche ad altri ambienti classici e contemporanei.

Ricchi e sfarzosi, saranno anche i tendaggi e i tessuti di arredo, mentre i tappeti saranno caratterizzati da colori vivaci e oro. La scelta è vasta fra le proposte di Aldo Verdi, a Milano: con i brand più prestigiosi, si ha la sicurezza di non sbagliare, scegliendo il meglio dal vastissimo e attuale assortimento e approfittando della professionalità e della lunga esperienza dell’azienda nel settore dell’arredamento.

 

 

Lascia un commento