Come pulire e trattare la carta da parati

carta da parati

Utilizzare la carta da parati nella propria casa è una scelta senza tempo che, rispetto alle vernici, offre molti vantaggi soprattutto per quanto riguarda la resistenza e la pulizia. La manutenzione della carta da parati è più semplice di quanto si pensi e farla con cura – è sufficiente una volta ogni 4-5 anni – garantisce la lunga vita di questo rivestimento che può durare anche più di 15 anni.

Ma come si fa a capire come pulire la carta da parati nel modo corretto?

Come pulire la carta da parati a seconda del rivestimento

Come prima cosa, bisogna fare un distinguo in base al materiale con cui è realizzato il nostro rivestimento, che può essere in tessuto, in vinile o in carta.

  • per pulire la carta da parati in carta, la cosa principale da tenere a mente è che non va bagnata. Si può passare l’aspirapolvere o un panno, se ci sono piccoli segni di matite o piccole impronte è sufficiente anche una gomma bianca oppure ancora, se ci sono piccole macchie di unto ancora fresche, ci si può mettere sopra un po’ di talco che assorbirà l’unto, da mandare via poi con della semplice carta assorbente.
  • per pulire la carta da parati in vinile, la parola d’ordine è delicatezza: sì a spugne morbide che non graffiano la superficie e, per le macchie di unto, è possibile utilizzare il ferro da stiro, impostato a bassa temperatura, passandolo su un foglio di carta da forno appoggiato sulla macchia che grazie al calore si trasferirà, aderendo alla carta da forno.
  • per pulire la carta da parati in tessuto sono sufficienti un panno morbido o una spugnetta non abrasiva, un po’ d’acqua tiepida e del detersivo per piatti: la parete si lava come se fosse una superficie di vetro, avendo l’unica accortezza di strizzare bene il panno prima di passarlo. Questa è senza dubbio la tipologia di carta che garantisce la manutenzione più semplice e veloce

È sufficiente individuare la tecnica corretta per capire come pulire la carta da parati al meglio, tuttavia è altrettanto importante ricordarsi di effettuare una piccola ma costante manutenzione, due o tre volte al mese, togliendo la polvere con un’aspirapolvere o un panno in modo da evitare accumuli che, nel tempo, porterebbero a ingiallimenti della carta.
E se ancora avete qualche dubbio sul come pulire la carta da parati in maniera efficace, non vi resta che fare una prova su una piccola area nascosta e poi, eventualmente, procedere alla pulizia.

Lascia un commento