Carte da parati Fornasetti, una tradizione italiana

carta da parati fornasetti chiave segreta

C’è un nome che, da oltre 70 anni, è sinonimo di qualità, ma anche di sogno, di magia e soprattutto creatività: è quello delle carte da parati Fornasetti e del loro stile audace e sempre riconoscibile.

La storia inizia negli anni Quaranta con Piero Fornasetti, artista eclettico, pittore, scultore e decoratore d’interni con una grande passione per le tecniche di stampa, tanto da diventare uno dei migliori stampatori d’Italia e da aprire un’azienda che, grazie alle sue grafiche inconfondibili e all’altissima qualità delle sue lavorazioni artigianali, è diventata famosa in tutto il mondo, rendendo Fornasetti un vero e proprio marchio di design.

Nel 1988 Piero Fornasetti muore all’improvviso per un piccolo intervento chirurgico ed è il figlio Barnaba a raccogliere l’eredità paterna e a prendere in mano le redini dell’azienda, declinando i numerosissimi temi grafici sviluppati dal padre in nuovi oggetti che lui stesso definisce “reinvenzioni”. Ed è così che nascono nuove collaborazioni che danno vita a incredibili linee di tessuti, di parquet, di piastrelle in ceramica, di complementi d’arredo e soprattutto delle famosissime carte da parati.

Lo stile Fornasetti ha decori inconfondibili: tra i suoi soggetti più iconici possiamo trovare civette, carte da gioco, mongolfiere, colonne e capitelli, carte geografiche, foglie e farfalle, tutti rivisitati in una chiave assolutamente moderna e visionaria. Le tinte che caratterizzano le opere grafiche del Fornasetti sono l’oro, il bianco, il nero e il rosso, predominanti non solo nelle sue carte da parati ma anche nella sua più nota collezione “Tema e variazioni”. Tra la carte forse più conosciute, impossibile non citare Ex Libris, che rappresentano in maniera molto dettagliata e realistica un pannello del 1953 che riproduce tridimensionalmente una finta libreria con libri rilegati in pelle colorata a riempirne gli scaffali.

Le carte da parati Fornasetti sono esattamente così: moderne e senza tempo, uno stile audace che non teme (e non subisce) le mode.

Lascia un commento